logo

“No allo strappo, troviamo uno spazio a Finzi Pasca”

Così il sindaco di Lugano Marco Borradori sulla tensione tra il LAC e la Compagnia - Badaracco difende Gagnon e Rifici

 
18
settembre
2018
06:00
Chiara Nacaroglu

LUGANO - Un ufficio per la sua Compagnia all'interno del LAC. Uno spazio per "sentirsi a casa" ed essere "davvero residente" a Lugano. Questo vorrebbe Daniele Finzi Pasca e questo, in fondo, sembra essere il nodo della diatriba tra il regista e i vertici del LAC. Vertici che, dopo quanto quanto dichiarato ieri dal regista che si è detto "già lontano col cuore da Lugano" (Vedi Suggeriti), non hanno voluto rilasciare dichiarazioni ma sono stati difesi dal presidente dell'Ente autonomo del centro culturale e capo Dicastero cultura della Città, Roberto Badaracco. "Due direttori - dice Badaracco - che in questi anni hanno lavorato tantissimo contribuendo allo straordinario successo del centro culturale. Non posso inoltre accettare - continua - che questi, come velatamente dichiarato da Daniele, dovrebbero favorirlo per rapporto ad altri perché avrebbe aiutato a segnalarli".

Sulla questione abbiamo chiesto un parere anche al sindaco di Lugano Marco Borradori, che usa toni più soft del suo collega. "Questa situazione di tensione tra i vertici del LAC e Finzi Pasca, che era nota, genera in me un travaglio interno", spiega. "Da un lato c'è la difesa del LAC, che è una creatura ancora giovane e fragile anche se sta andando molto bene e ha tutte le carte per diventare qualcosa di grosso e importante. D'altro canto abbiamo Daniele e la sua Compagnia che qualcosa di grosso lo è stato, lo è e continuerà a esserlo in futuro. Sono convinto che si debba riuscire a far coesistere i vertici del LAC e Finzi Pasca, ed è chiaro che tra loro qualcosa si sia rotto". Ma tocca quindi alla Città fare da mediatore tra i due? La risposta del sindaco è affermativa. "Bisogna fare il possibile per trovare un'intesa di lavoro. Vale la pena fare ancora un ultimo tentativo per trovare uno spazio alla Compagnia nell'orbita del centro culturale".

Articoli suggeriti

“Non c`è spazio per l`ufficio di Finzi Pasca”

Il presidente dell'Ente autonomo del LAC Roberto Badaracco risponde alle dichiarazioni del regista ticinese e difende i vertici del centro culturale

Finzi Pasca: “Nel mio cuore son già lontano da Lugano”

L'artista torna sulla diatriba tra la sua Compagnia e la Città: "I funzionari del LAC che avevo aiutato a scegliere sono gli stessi che ora mi dicono che per me non c’è spazio" - SONDAGGIO

In scena anche i tesori della Compagnia Finzi Pasca

Nell'ambito di Lugano Città del Gusto, il 13 settembre a Villa Ciani parte la mostra multisensoriale The garden of earthly delights

Edizione del 20 ottobre 2018
Segui il CdT sui social
Mobile
Scopri le offerte su misura per te
con la CdT Club Card
Top