logo

Finzi Pasca: “Nel mio cuore son già lontano da Lugano”

L'artista torna sulla diatriba tra la sua Compagnia e la Città: "I funzionari del LAC che avevo aiutato a scegliere sono gli stessi che ora mi dicono che per me non c’è spazio" - SONDAGGIO

 
17
settembre
2018
06:00
Chiara Nacaroglu

LUGANO - A distanza di mesi si torna a parlare del dilemma luganese di Daniele Finzi Pasca. Era il mese di marzo quando aveva fatto sapere che gli spazi e i tempi che vengono messi a disposizione della sua Compagnia al LAC non sono sufficienti per mettere in pratica una vera residenza artistica. Da lì aveva preso il via una diatriba tra Città e Compagnia, sfociata nella proposta dell'Esecutivo cittadino di creare una sorta di centro cantonale per il teatro sui terreni delle AIL a Breganzona. Un'idea questa che non era piaciuta a Finzi Pasca e che, ci ha confermato il titolare del Dicastero cultura Roberto Badaracco, è ancora al "primo stadio di valutazione". In occasione della mostra The garden of earthly delights: tesori dagli Archivi della Compagnia Finzi Pasca  abbiamo cercato di capire con il diretto interessato se qualcosa si è mosso e pare proprio di no.

"Penso che con il LAC ci siamo detti le cose che c'erano da dirsi: se non c'è spazio, pazienza", afferma Finzi Pasca. "Credo di aver aiutato tanto nel creare le condizioni affinché si aprisse un teatro - continua- e ora che il LAC c'è dovrebbe essere anche casa nostra, ma non è così. Per me non è mai stato facile aver voglia di essere figlio di questa città e sentire che c'è sempre da battagliare". Ma allora si sta ancora valutando di spostare la Compagnia in un altro spazio? «Non abbiamo bisogno di un altro luogo - spiega - io non capisco né Michel Gagnon (direttore del LAC, ndr.), né Carmelo Rifici (direttore di LuganoInScena, ndr.). Non so cosa pensino. Il problema non sono né i politici, né la Città, anzi. Quest'ultima era convinta che noi avremmo trovato il nostro spazio nel teatro, invece al LAC hanno paura che la Compagnia possa fare ombra agli altri perché siamo una pianta grande». E qui aggiunge un particolare: "Quando mi hanno offerto di dirigere il LAC, anni fa, ho rifiutato, proponendo di scegliere dei bravi funzionari e offrendo il mio aiuto nel cercarli. È un po' strano che poi i funzionari ti dicano che per te non c'è più spazio". Ma allora lascerete Lugano? "Nella Compagnia siamo divisi: io sono già via, nel mio cuore. Onestamente lo sono da un po'". 

 

 

 

Credi che Lugano e il Lac debbano sostenere maggiormente la Compagnia Finzi Pasca?

66 %
No
28 %
Non so
6 %
Il sondaggio � stato chiuso il 18/09/2018
Articoli suggeriti

Il dilemma luganese di Finzi Pasca

L'EDITORIALE DI ANTONIO MARIOTTI

Edizione del 15 novembre 2018
Segui il CdT sui social
Mobile
Scopri le offerte su misura per te
con la CdT Club Card
Top