logo

Alla guida senza patente, otto mesi di carcere

Condannato un 41.enne italiano con altre condanne specifiche alle spalle negli ultimi anni: "Una pena pecuniaria in questo caso non basta più"

archivio Maffi
 
14
settembre
2018
12:32
StF

LUGANO - Normalmente, essere pizzicati alla guida di una moto senza avere la licenza per condurla non apre le porte del carcere. Non è andata così oggi alle Assise correzionali di Lugano, presiedute dalla giudice Rosa Item, per un 41.enne italiano residente a Bissone. E questo per una combinazione di precedenti specifici e di pene mai pagate.

L'uomo infatti negli ultimi tre anni aveva già accumulato tre condanne (sfociate in pene pecuniarie) per guida di un'auto in stato di inattitudine o in revoca di patente (mentre quella per la moto non l'ha mai avuta). Pene però, per vari motivi, mai saldate.

"Per quanto concerne la guida è un delinquente incallito, nonché un menefreghista: le precedenti condanne non lo interessano", ha dichiarato il procuratore pubblico Roberto Ruggeri, che aveva chiesto 14 mesi di detenzione. "Ha infranto la legge in modo reiterato, ma non ha pagato il delitto. A questo giro una pena pecuniaria non basta".

Il suo difensore, l'avvocato Vincenzo Luisoni, non si è opposto al carcere, ma si è battuto per una pena interamente sospesa: "Il mio assistito non è né un delinquente incallito, né un menefreghista. È una persona normale che si è trovato in una situazione difficile".

Item ha infine optato per una condanna a 8 mesi di carcere, da espiare (anche in forma facilitata): "Colpisce la Corte che l'imputato non sembra aver interiorizzato la gravità del suo reiterato comportamento, al di là dei proclami".

Prossimi Articoli

“Rey non ha verificato l'identità della paziente”

Il medico è accusato di lesioni colpose e falsità in documenti per il noto caso verificatosi al Sant'Anna - A una paziente vennero asportati per errore i seni

Auto si ribalta, ferite leggere per gli occupanti

L'incidente è avvenuto sulla strada del Piano della Stampa a Lugano - Tratta chiusa e disagi al traffico

È un tipico piatto ticinese, ma viene da lontano

L'USI riflette sul risotto con la luganighetta, partendo dall’origine della parola "zafferano": "È il risultato di un lungo viaggio che racconta quanto è complessa la nostra identità"

Edizione del 21 settembre 2018
Segui il CdT sui social
Mobile
Scopri le offerte su misura per te
con la CdT Club Card
Top