logo

Nove indagati per un riciclaggio a sei zeri

Primo processo di una serie al Tribunale penale federale: alla sbarra un'operatrice finanziaria ticinese che avrebbe aiutato una famiglia di pregiudicati italiani a lavare del denaro

archivio CdT
 
14
settembre
2018
06:00

BELLIZONA - È iniziata al Tribunale penale federale di Bellinzona una serie di processi relativi a presunti riciclaggi milionari a opera di una famiglia di pregiudicati italiani, i Magnone. Ieri in aula vi era un'operatrice finanziaria ticinese accusata di aver favorito parte del loro lavaggio di denaro tramite una società a Lugano dietro cui in realtà si nascondeva il capofamiglia. La sentenza è attesa a giorni.

La donna era accusata di avere riciclato tramite almeno 25 transazioni a beneficio di Paolo Magnone (il capofamiglia) oltre 200.000 franchi. Di queste, però, per 23 è nel frattempo subentrata la prescrizione. Se la sentenza non cadrà oggi verrà inoltre prescritto un ulteriore prelievo, e se la donna verrà in effetti condannata (la difesa ne chiede il proscioglimento), lo sarà per un singolo prelievo da mille franchi.

Prossimi Articoli

“Rey non ha verificato l'identità della paziente”

Il medico è accusato di lesioni colpose e falsità in documenti per il noto caso verificatosi al Sant'Anna - A una paziente vennero asportati per errore i seni

Auto si ribalta, ferite leggere per gli occupanti

L'incidente è avvenuto sulla strada del Piano della Stampa a Lugano - Tratta chiusa e disagi al traffico

È un tipico piatto ticinese, ma viene da lontano

L'USI riflette sul risotto con la luganighetta, partendo dall’origine della parola "zafferano": "È il risultato di un lungo viaggio che racconta quanto è complessa la nostra identità"

Edizione del 21 settembre 2018
Segui il CdT sui social
Mobile
Scopri le offerte su misura per te
con la CdT Club Card
Top