logo

Partorire tra le mure domestiche è meglio?

Secondo un numero crescente di donne sì, ecco perché il CHUV di Losanna cerca prove scientifiche - Lanciato uno studio di comparazione

Archivio CdT
 
03
agosto
2018
10:50
ats

LOSANNA - Il Centro ospedaliero universitario vodese (CHUV) ha lanciato uno studio per comparare a livello batterico i parti in casa con quelli in ospedale. Per tale ragione cerca una cinquantina di future mamme che vogliono dare alla luce il figlio fra le mura domestiche.

"Ci sono sempre più donne secondo le quali un parto meno medicalizzato è meglio. Siccome siamo un ospedale universitario, cerchiamo delle prove scientifiche", ha spiegato David Baud, capo del reparto di ostetricia del CHUV.

Il suo laboratorio parte dal presupposto che un parto in casa avviene in presenza di una vasta gamma di "batteri famigliari", cosa che non succede in ospedale. Si tratta quindi di capire se le mura domestiche siano effettivamente il luogo ideale per una nascita. I "batteri famigliari" potrebbero ad esempio aiutare ad evitare allergie.

Attualmente, la squadra di Baud ha trovato sei volontarie, delle quali tre hanno già partorito, e ne cerca ancora una cinquantina. La partecipazione consiste in qualche prelievo molto semplice a livello vaginale, epidermico (sia della mamma che del neonato), così come di feci del piccolo e saliva. Il tutto per studiare le colonie di batteri presenti e poi comparare il cosiddetto microbioma dei vari tipi di parto.

Lo specialista sottolinea che la ricerca non si occupa abbastanza delle madri e dei neonati, tanto che questo studio è completamente finanziato dal suo laboratorio.

Per raccogliere fondi per il settore, il 13 ottobre cercherà di fare il giro del Lago Lemano a corsa: farà un passo per ogni franco ricevuto. Le donazioni raccolte su www.onestepforlife.com andranno integralmente alla Fondazione per il perfezionamento e la ricerca in ginecologia-ostetricia. L'obiettivo è completare tutti i 180 chilometri del percorso, che equivarrebbero a 180'000 franchi.

 

Secondo un numero crescente di donne un parto meno medicalizzato è meglio. Sei d'accordo?

39 %
No
50 %
Non so
11 %
Il sondaggio � stato chiuso il 04/08/2018
Prossimi Articoli

A Basilea s'inaugura "Tanto di cappello"

La mostra dedicata ai copricapo e alla loro storia apre i battenti nella città sul Reno con creazioni d'epoca e di design

Prestigioso premio per i sapori ticinesi

Il Ristorante-Salumeria La Bottega di Mario vince il rinomato Best of Swiss Gastro Award 2019

“Catapultata” dal letto mentre fa sesso, resta paralizzata

La vicenda approda in tribunale: la 46.enne inglese chiede 1,3 milioni di sterline di danni al rivenditore del mobile

Edizione del 19 ottobre 2018
Segui il CdT sui social
Mobile
Scopri le offerte su misura per te
con la CdT Club Card
Top