logo

I pedofili non potranno più lavorare con i bambini

Le disposizioni di legge per l'attuazione dell'iniziativa contro i criminali sessuali entreranno in vigore dal 2019

Archivio CdT
 
10
ottobre
2018
12:17
ats

BERNA - Dal primo gennaio nessun criminale sessuale pedofilo potrà più lavorare con i bambini. Il Consiglio federale ha stabilito oggi che le disposizioni di legge per l'attuazione dell'iniziativa sui pedofili entreranno in vigore a partire dal 2019.

Lo scorso marzo il Parlamento ha accettato la modifica del Codice penale e di quello penale militare che concretizza l'iniziativa popolare "Affinché i pedofili non lavorino più con fanciulli", approvata in votazione il 18 maggio 2014. Il termine di referendum è scaduto inutilizzato il 5 luglio, indica in una nota il governo.

Dal prossimo anno dunque, il giudice, quando condanna un adulto per reati sessuali su minorenni o altre persone degne di protezione, deve imperativamente ordinare, a prescindere dall'entità della pena, l'interdizione a vita per l'interessato da attività professionali con bambini. Questo divieto vale anche se il colpevole è penalmente incapace e condannato a una misura terapeutica.

L'espressione "degne di protezione" descrive chi, per malattia o età, ha bisogno di aiuto, ma anche le persone che o dipendono dall'autore o sono incapaci di discernimento e di opporre resistenza. Il catalogo dei reati contiene oltre a crimini e delitti anche contravvenzioni contro l'integrità sessuale, come le molestie.

Le disposizioni tengono conto anche dei principi dello Stato di diritto sanciti dalla Costituzione e vi è quindi spazio per alcune eccezioni, viene sottolineato nel comunicato. Questo permette ai giudici di rinunciare all'interdizione imperativa a vita nei casi particolarmente lievi di reati sessuali, se non vi è pericolo di recidiva. Rientrano in questa categoria le relazioni adolescenziali. Non sono invece possibili deroghe per i criminali sessuali la cui valutazione psichiatrica ha stabilito che sono pedofili.

L'interdizione definitiva sarà iscritta in due strumenti: l'estratto del casellario giudiziale e l'estratto specifico per privati. In questo modo datori di lavoro, organizzazioni e autorità competenti potranno stabilire se un candidato o un collaboratore è idoneo o meno. Inoltre, i condannati possono essere sorvegliati mediante assistenza riabilitativa.

Prossimi Articoli

“Con Cassis a rischio la credibilità della Svizzera”

Duro attacco del presidente del PS Christian Levrat al consigliere federale ticinese: "Mette in pericolo l'affidabilità elvetica in politica estera"

Amnesty International: “L'iniziativa UDC indebolisce i diritti umani”

L'associazione scende in campo in vista della votazione del 25 novembre sui giudici stranieri

Edizione del 23 ottobre 2018
Segui il CdT sui social
Mobile
Scopri le offerte su misura per te
con la CdT Club Card
Top