logo

Gli elettori sono divisi sulle misure d'accompagnamento

 
10
agosto
2018
08:18
ats

BERNA - Gli Svizzeri sono divisi circa eventuali concessioni all'Ue riguardanti le misure di accompagnamento alla libera circolazione. È quanto sostiene un sondaggio di Tamedia pubblicato oggi svolto tra 7635 persone in rappresentanza di tutto il Paese.

Per il 38% delle persone interrogate, le misure fiancheggiatrici volte alla protezione dei salari, non vanno assolutamente indebolite: nessuna concessione insomma.

Il 20% si è detto invece disposto ad un compromesso per sbloccare le trattative tra la Svizzera e l'Ue in vista della conclusione di un accordo istituzionale. Un 5% giudica dannose le misure collaterali per il mercato del lavoro e si dice favorevole a degli adeguamenti.

Un altro 20% si dice disponibile soltanto ad adeguamenti tecnici. Per quest'ultimi è tuttavia importante che il livello di protezione attuale dei lavoratori rimanga immutato. Il 17% del campione non ha espresso alcuna opinione.

A livello di partiti, la base del PS sembra più disposta ad un compromesso rispetto ai vertici e ai sindacati. Il 18% dei simpatizzanti del PS e dei Verdi sono invece dell'avviso che non debbano essere fatte concessioni.

Il 72% dei partigiani dell'UDC sono favorevoli ad una posizione dura nei confronti di Bruxelles. Tra gli elettori del PLR e del PPD prevale l'opzione del compromesso. Il 27% dei simpatizzanti PLR e il 23% del PPD sono invece contrari ad ogni modifica delle misure collaterali.

Il sondaggio è stato realizzato online tra il 6 e 7 agosto, ossia prima che i sindacati annunciassero il boicottaggio delle discussioni col ministro dell'economia Johann Schneider-Ammann, i rappresentanti degli imprenditori e i Cantoni.

Prossimi Articoli

Verso 3 sì alle prossime federali, ma il Ticino è più scettico

Secondo l'istituto gsf.bern gli oggetti in votazione il prossimo 23 settembre sarebbo approvati a larga maggioranza

In discussione la salvaguardia del lupo

La Svizzera chiede di declassare la specie da "assolutamente protetta" a "protetta" - Nel corso della seduta annuale di novembre, la Convenzione di Berna discuterà la domanda

Edizione del 17 agosto 2018
Segui il CdT sui social
Mobile
Scopri le offerte su misura per te
con la CdT Club Card
Top