logo

Verso la Siria con un carico di armi, svizzero in manette

L'uomo è stato arrestato alla frontiera bulgaro-turca e incriminato per "terrorismo" - Lui si difende: "Volevo aiutare i civili"

Reguzzi
 
13
settembre
2018
15:03
ats

BERNA/SOFIA - Uno svizzero che tentava di recarsi nella città siriana di Idlib, con un carico di armi, è stato arrestato alla frontiera bulgaro-turca e incriminato per "terrorismo". Lo ha annunciato oggi la Procura bulgara. Il sospettato è stato segnalato dalle autorità elvetiche, alle quali il padre aveva indicato la scomparsa.

Il giovane è stato fermato martedì scorso al valico di frontiera di Kapitan Andreevo al volante di un 4x4 nel quale sono stati trovati tre fucili, una pistola, circa 400 munizioni e 24 coltelli. Nell'automobile c'era pure una mappa per recarsi a Idlib, bastione di oppositori al regime di Assad, situato nel nord-ovest della Siria. Egli ha spiegato di aver voluto aiutare dei "civili" in Siria. È stato incriminato per terrorismo e contrabbando di armi.

La Bulgaria si trova su una delle principali vie terrestri percorse da presunti combattenti che tentano di raggiungere la Siria o farvi ritorno. Culminati nel 2015, gli arresti sono ora diminuiti.

Prossimi Articoli

Brigels si ribella: "Caro Papa, lascia che il nostro prete ami una donna"

Dai Grigioni una petizione per abolire il celibato dei preti - Il loro parroco si era dimesso per poter vivere una relazione sentimentale

Agevolare la permanenza in Svizzera degli stranieri qualificati

La Camera del popolo con 143 sì e 41 no ha approvato una mozione in tal senso del consigliere nazionale Marcel Dobler (PLR/SG) per i settori dove ce n'è penuria

Nell'Amministrazione federale si parla ancora poco italiano

Centro studi sulla democrazia di Aarau: la promozione del plurilinguismo nell'Amministrazione federale funziona

Edizione del 21 settembre 2018
Segui il CdT sui social
Mobile
Scopri le offerte su misura per te
con la CdT Club Card
Top