logo

Verso la Siria con un carico di armi, svizzero in manette

L'uomo è stato arrestato alla frontiera bulgaro-turca e incriminato per "terrorismo" - Lui si difende: "Volevo aiutare i civili"

Reguzzi
 
13
settembre
2018
15:03
ats

BERNA/SOFIA - Uno svizzero che tentava di recarsi nella città siriana di Idlib, con un carico di armi, è stato arrestato alla frontiera bulgaro-turca e incriminato per "terrorismo". Lo ha annunciato oggi la Procura bulgara. Il sospettato è stato segnalato dalle autorità elvetiche, alle quali il padre aveva indicato la scomparsa.

Il giovane è stato fermato martedì scorso al valico di frontiera di Kapitan Andreevo al volante di un 4x4 nel quale sono stati trovati tre fucili, una pistola, circa 400 munizioni e 24 coltelli. Nell'automobile c'era pure una mappa per recarsi a Idlib, bastione di oppositori al regime di Assad, situato nel nord-ovest della Siria. Egli ha spiegato di aver voluto aiutare dei "civili" in Siria. È stato incriminato per terrorismo e contrabbando di armi.

La Bulgaria si trova su una delle principali vie terrestri percorse da presunti combattenti che tentano di raggiungere la Siria o farvi ritorno. Culminati nel 2015, gli arresti sono ora diminuiti.

Prossimi Articoli

Sull'auto di lusso senza patente e con un chilo di cocaina

La polizia zurighese ha arrestato uno spacciatore e sequestrato più di 30 chili di stupefacenti, oltre che diverse decine di migliaia di franchi in contanti

Sgominata una banda di spacciatori canapa

Una grossa operazione di polizia ha portato in carcere due uomini accusati di un ampio traffico tra Germania e Svizzera