logo

Saranno scintille su sgravi e AVS

Domani approda al Nazionale la riforma dell'imposizione delle imprese collegata al primo pilastro

Keystone
 
11
settembre
2018
12:00
G.V.N.

BERNA - Compensare sgravi fiscali alle imprese con un finanziamento dell'AVS? Quello del Progetto fiscale è uno dei grossi temi che terranno banco nella sessione parlamentare appena iniziata. Mercoledì sarà il Nazionale a discutere il dossier. A giugno gli Stati hanno collegato al PF17 nuovi finanziamenti dell'AVS (le cui casse rischiano di rimanere a secco). Una ricetta con cui si è voluto rendere più appetibile la riforma delle imprese alla sinistra e per trovare, eventualmente, l'appoggio della popolazione. In concreto, ogni franco di tassazione perso a causa della riforma fiscale dovrà essere compensato con un franco versato al primo pilastro. Questo dovrebbe così beneficiare di 2,1 miliardi di franchi all'anno in più fino al 2027.

Domani si prospetta un dibattito acceso. Tra i sostenitori dell'accordo figurano PLR e PPD. Marco Romano, deputato PPD, sottolinea che si tratta di un male necessario: «Ci troviamo davanti a una riforma forzata. Dobbiamo adeguare il nostro sistema fiscale e dobbiamo togliere queste tassazioni speciali. Non c'è quindi spazio per proposte di fantasia". PLR e PS (a certe condizioni) sono favorevoli. Verdi, Verdi liberali e PBD si dicono contrari al pacchetto. L'UDC propone invece di rimandare il progetto fiscale al Governo. «Una cattiva soluzione a livello fiscale sommata a una cattiva soluzione per salvare l'AVS assieme non danno una buona soluzione», commenta Marco Chiesa.

Prossimi Articoli

Brigels si ribella: "Caro Papa, lascia che il nostro prete ami una donna"

Dai Grigioni una petizione per abolire il celibato dei preti - Il loro parroco si era dimesso per poter vivere una relazione sentimentale

Agevolare la permanenza in Svizzera degli stranieri qualificati

La Camera del popolo con 143 sì e 41 no ha approvato una mozione in tal senso del consigliere nazionale Marcel Dobler (PLR/SG) per i settori dove ce n'è penuria

Nell'Amministrazione federale si parla ancora poco italiano

Centro studi sulla democrazia di Aarau: la promozione del plurilinguismo nell'Amministrazione federale funziona

Edizione del 21 settembre 2018
Segui il CdT sui social
Mobile
Scopri le offerte su misura per te
con la CdT Club Card
Top