logo

Canicola sotto accusa: colpevole di diversi ferimenti

A Steckborn (Canton Turgovia) il livello del lago diminuisce per la siccità e quattro persone finiscono all'ospedale dopo essersi lanciate in acqua con un scivolo

 
07
agosto
2018
17:48
Red. Online-ats

SAN GALLO - Quattro persone sono finite all'ospedale la settimana scorsa dopo essersi lanciate nel lago di Costanza con uno scivolo appositamente installato nella località di Steckborn (TG). Sotto accusa la canicola, che ha abbassato il livello dello specchio d'acqua.

L'impianto è stato chiuso e sul caso indaga la procura cantonale, riferisce oggi il St. Galler Tagblatt. Basandosi su delle indicazioni della polizia turgoviese il quotidiano sottolinea che, complice la siccità, il livello dell'acqua è sceso di 80 centimetri rispetto al momento in cui è stata concessa l'autorizzazione d'esercizio.

Lo scivolo - in realtà tre scivoli paralleli - è pensato per far salire l'adrenalina: lungo 29 metri, proietta i bagnanti nel lago a una velocità di 45 km/h. Dopo un volo più o meno lungo, l'impatto con l'acqua è duro e diverse persone si sono fatte seriamente male.

Ieri - riferisce il quotidiano sangallese - girava voce di diversi bagnanti feriti nei giorni scorsi: uno avrebbe addirittura subito lesioni gravi alla schiena e sarebbe rimasto paralizzato. Contattata dal giornale, la società che gestisce l'impianto assicura invece che nessuno è rimasto paralizzato: i ricoveri sono stati quattro, con tre persone già nel frattempo dimesse.

Allarmata dai sanitari la polizia è intervenuta sul posto sabato e ha parlato con i gestori dell'impianto, che di loro iniziativa hanno deciso di sospendere l'attività. "Altrimenti la polizia o la procura avrebbe intimato la chiusura", afferma l'addetto stampa delle forze dell'ordine, in dichiarazioni riportate dal St. Galler Tagblatt.

Chi si è lanciato sullo scivolo lo ha comunque fatto a suo rischio e pericolo: tutti hanno dovuto mostrare i documenti di identità e firmare un foglio in cui confermano di agire a proprio rischio e pericolo. Rimane comunque da vedere se una dichiarazione del genere sia in grado di escludere completamente la responsabilità dei gestori.

Prossimi Articoli

Pena inasprita in appello per un pedofilo

Dieci di carcere per un 53.enne svizzero che è stato accusato di aver abusato nel corso di 20 anni di otto bambini

Spari in Turgovia, polizia interviene in forze

Una donna che si trovava in strada ad Amlikon, poco dopo le 18, ha esploso vari colpi di arma da fuoco e poi si è barricata in una casa

Gli svizzeri sono i più ricchi al mondo

Nel periodo 2017-2018 il patrimonio medio per adulto si attesta a 530.240 dollari (526.700 franchi)

Edizione del 19 ottobre 2018
Segui il CdT sui social
Mobile
Scopri le offerte su misura per te
con la CdT Club Card
Top