logo

Uccidevano automobilisti: ergastoli per la banda Gta

Condannati i cinque criminali russi che si comportavano come i protagonisti del famoso videogioco - 17 le loro vittime tra il 2013 e il 2014

 
La banda era stata soprannominata 'Grand Theft Auto' dai giornali russi perché i suoi membri, come nel famoso videogioco, derubavano e uccidevano automobilisti.
 
09
agosto
2018
14:04
ats

MOSCA - Quattro condanne all'ergastolo e una condanna a 20 anni di reclusione in un carcere di massima sicurezza: sono le pene disposte dal tribunale regionale di Mosca per cinque membri della banda criminale 'Grand Theft Auto' accusati di aver derubato e ucciso numerosi automobilisti nei pressi della capitale russa.

L'anno scorso, subito dopo un'udienza, cinque di loro assalirono in ascensore i due agenti che li scortavano e strapparono loro un kalashnikov e una pistola per poi cercare di fuggire dal tribunale armi in pugno. Tre furono uccisi sul posto e uno morì dopo in ospedale per le ferite riportate.

La banda era stata soprannominata 'Grand Theft Auto' dai giornali russi perché i suoi membri, come nel famoso videogioco, derubavano e uccidevano automobilisti.

La banda avrebbe fatto fuori 17 persone tra il 2013 e il 2014. Per colpire i loro bersagli a volte usavano rudimentali chiodi a quattro punte lasciati sull'asfalto, altre volte sparavano alle gomme delle auto: quando la vettura era costretta a fermarsi si avvicinavano al guidatore fingendo di volerlo aiutare, poi lo ammazzavano e lo derubavano. Agivano soprattutto di notte, e il teatro dei loro crimini era l'autostrada M4, a sud di Mosca.

La banda è stata sgominata nel novembre di quattro anni fa.

Prossimi Articoli

“Ancora 10-20 dispersi tra le macerie”

LA TRAGEDIA DI GENOVA: il bilancio è fermo a 38 morti, gli sfollati sono oltre 600 - La Procura di Parigi apre un'inchiesta per i 4 ragazzi francesi coinvolti nel crollo - VIDEO

"Schumacher non lascerà la Svizzera"

È la manager della famiglia a smentire la notizia, dopo che la stampa aveva accennato ad un possibile trasferimento del pilota nelle Baleari

“Autostrade ha permesso questa disgrazia, rivoglio la mia vita”

Parla uno degli sfollati dopo il crollo del ponte Morandi a Genova: "Siamo stati zitti per rispetto dei morti, ora pretendiamo un indennizzo"

Edizione del 17 agosto 2018
Segui il CdT sui social
Mobile
Scopri le offerte su misura per te
con la CdT Club Card
Top