logo

False minacce bomba in tre aeroporti di Buenos Aires

Segnalata in maniera anonima la presenza di ordigni - Dopo i controlli gli scali sono stati riaperti

 
L'aeroporto internazionale di di Ezeiza.
 
07
agosto
2018
20:42
ats

BUENOS AIRES - La polizia e le forze speciali argentine hanno realizzato oggi controlli in quattro aeroporti - tre a Buenos Aires ed uno a Córdoba - senza rilevare nulla di anormale, dopo una telefonata anonima pervenuta al servizio delle emergenze (911), secondo cui "fra le 15 e le 21" sarebbero state parcheggiate autobomba negli scali in questione ed esplosivi su aerei in arrivo.

Fonti che hanno chiesto di non essere identificate hanno detto ai media che l'autore della telefonata ha sostenuto che le autobomba riguardavano attività del "gruppo terrorista Isis".

Al riguardo nella sua pagina online, il quotidiano La Nación ha indicato che "la minaccia ha obbligato le autorità ad attivare i protocolli di sicurezza, a realizzare operativi minuziosi nei parking e negli aeroporti anche con l'ausilio di unità cinofile, e a rafforzare i meccanismi di controllo.

Prossimi Articoli

“Ancora 10-20 dispersi tra le macerie”

LA TRAGEDIA DI GENOVA: il bilancio è fermo a 38 morti, gli sfollati sono oltre 600 - La Procura di Parigi apre un'inchiesta per i 4 ragazzi francesi coinvolti nel crollo - VIDEO

"Schumacher non lascerà la Svizzera"

È la manager della famiglia a smentire la notizia, dopo che la stampa aveva accennato ad un possibile trasferimento del pilota nelle Baleari

“Autostrade ha permesso questa disgrazia, rivoglio la mia vita”

Parla uno degli sfollati dopo il crollo del ponte Morandi a Genova: "Siamo stati zitti per rispetto dei morti, ora pretendiamo un indennizzo"

Edizione del 17 agosto 2018
Segui il CdT sui social
Mobile
Scopri le offerte su misura per te
con la CdT Club Card
Top